Informazioni turistiche

Ancora una volta il Costa Rica si è classificato al primo posto nella classifica dei paesi più felici del mondo. Ogni due anni gli economisti della New Economics Foundation (Nef) stilano questa speciale classifica utilizzando l’Indice di Felicità del Pianeta (Happy Planet Index), un indicatore del livello di felicità di un paese. L’HPI valuta ciò che è veramente importante: la misura con cui i paesi del mondo forniscono una vita lunga, felice e sostenibile per le persone che ci abitano. Sono tre infatti i parametri presi in considerazione dal Nef: il benessere dei cittadini di un paese, la speranza di vita alla nascita e l’impronta ecologica di un paese cioè la misura di quanta terra, acqua e risorse naturali una nazione richiede per produrre le risorse che consuma.

Nell’edizione 2012, la classifica HPI prende in considerazione ben 151 paesi assegnando ad ognuno di loro un punteggio. Il Costa Rica ha totalizzato un punteggio globale di 64,0, seguito da Vietnam con 60,4 e Colombia 59,8. L’Italia ha invece totalizzato un misero 46,4.

I risultati, che sono visionabili in dettaglio sul sito www.happyplanetindex.org, dimostrano che non viviamo ancora in un pianeta felice. Come dimostra la cartina (foto in alto) sono ancora molti i paesi, segnati con il colore rosso, in cui l’HPI è basso e troppo pochi quelli, come il Costa Rica, colorati di verde, in cui il benessere dei cittadini, la speranza di vita e l’impronta ecologica sono a livelli molto buoni. Nessuno dei paesi però ha buoni risultati su tutti e tre gli indicatori presi in considerazione.

E’ interessante sottolineare come nessuno dei primi dieci paesi classificati, in base al punteggio complessivo HPI, sia tra i più ricchi del mondo. Anzi, tra i primi 40 paesi solo quattro hanno un Pil pro capite superiore ai 15mila dollari. Il Costa Rica è al top di questa classifica grazie alla sua aspettativa di vita alla nascita molto alta (79,3 anni, mentre l’impronta ecologica è di 2,5 g pro capite), la seconda più alta di tutte le Americhe, superiore anche a quella degli Stati Uniti.

Instituto Costarricense de Turismo